canoa nel lago

L’economia dei veleni legalizzati ha contaminato il Pianeta

foto © Global Warming Images - WWF

8 aprile 2023 - Ogni anno nel mondo 385 milioni di casi di avvelenamento e 258.000 decessi causati dai pesticidi. Per il WWF la salute di tutti non è (ancora) un problema per il mercato dell'agricoltura intensiva.
•    L’impiego di pesticidi a livello globale è quasi raddoppiato dal 1990, l’Italia è il secondo maggiore mercato di pesticidi in UE
•    Urgente attuare scelte sostenibili e salutari di consumo con l’acquisto di prodotti biologici

Venerdì 7 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Salute, un'occasione per riflettere sull'importanza della salute e sui fattori che la influenzano. Il tema di quest’anno è stato “salute per tutti” un concetto che richiama quello di “salute globale”, unica chiave per poter garantire la sopravvivenza di tutte le specie, compresa la nostra. Tra le sostanze che destano maggiore preoccupazione, ci sono i pesticidi usati in agricoltura, di cui è ormai scientificamente provato che, anche a dosi minimali, possono risultare estremamente nocivi per la salute umana e rappresentare quindi un vero e proprio problema di salute pubblica. Nonostante ciò, l’impiego di pesticidi a livello globale è quasi raddoppiato dal 1990 e l’Italia è il secondo maggiore mercato di pesticidi nell’UE secondo i dati Eurostat.

foto © David Bebber WWF UK

Una economia di veleni legalizzati, come la definisce il WWF che, in occasione della Giornata mondiale della Salute, rilancia l’ “Atlante dei pesticidi”, da poco pubblicato con la Coalizione Cambiamo Agricoltura. Questo report oltre a fornire informazioni riguardo il ruolo significativo che queste sostanze hanno nel determinare il declino della biodiversità, in particolare per gli insetti impollinatori come le api, conferma la pervasività di queste sostanze in tutte le matrici ambientali, acqua, aria e suolo e i conseguenti effetti negativi sulla salute delle persone. Tesi confermata anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che stima oltre 385 milioni di casi di avvelenamento da pesticidi e 258.000 decessi ogni anno in tutto il mondo. Oltre alla perdita di biodiversità (in primis di insetti impollinatori), l’uso di pesticidi determina la perdita di fertilità dei suoli e il progressivo inquinamento delle falde acquifere, costituendo una contaminazione planetaria che interessa ormai tutti gli ecosistemi e le persone.

foto WWF James Morgan

Infatti, queste sostanze o i loro metaboliti si ritrovano moltissimi alimenti e organismi, compreso l’uomo ed è ormai scientificamente provato che, non solo l'avvelenamento acuto, ma anche l'esposizione cronica a basse dosi di pesticidi (per esempio attraverso il consumo di alimenti, acqua, aria che ne contengono i residui), comporta un incremento del rischio di patologie cronico-degenerative quali cancro, diabete, disfunzioni respiratorie, neurologiche, cardiovascolari, immunitarie, riproduttive e metaboliche. Ancora più nociva per la nostra salute è la presenza del multiresiduo, più sostanze chimiche che prese singolarmente, rientrano nei parametri di Legge, ma insieme determinano un “effetto cocktail” ancora largamente sconosciuto, ma potenzialmente molto più pericoloso.
Donne e bambini, i soggetti più a rischio
Donne e bambini sono i soggetti più sensibili e più a rischio. In genere, infatti, le donne hanno una percentuale di grasso corporeo più alta e sono quindi più inclini ad immagazzinare agenti inquinanti che possono bioaccumularsi nel tessuto adiposo. Nelle donne sono inoltre più numerosi i tessuti sensibili agli ormoni che le rendono più vulnerabili ai pesticidi, specie quelli che agiscono a livello ormonale o interferiscono con il sistema endocrino.

foto © WWF US - Clay Bolt

C'è poi un legame evidente fra il cancro della mammella e l’esposizione ad alcune tipologie di pesticidi, che sono agenti iniziatori e promotori di tale malattia. I pesticidi sono legati anche all'endometriosi, una condizione dolorosa che può causare l'infertilità e può rappresentare un rischio significativo per la salute riproduttiva delle donne e per il feto. I pesticidi possono anche passare dalla madre al feto e ai neonati durante l'allattamento, compromettendo la salute del nascituro non solo nell’infanzia, ma anche nella vita adulta e comportando un aumento, in particolare, del rischio di tumori cerebrali e di alterazioni neurologiche e di sviluppo, che possono causare deficit cognitivi, comportamentali e di crescita. Anche gli studi nel campo dell'epigenetica mostrano che l'esposizione ai pesticidi può influire sull'attività dei geni, sui caratteri fisiologici ereditari e sullo sviluppo di malformazioni congenite. “L'attuale agricoltura industriale ha un’elevata dipendenza dalle sostanze chimiche di sintesi, pesticidi, fertilizzanti e antibiotici. Oggi nel mondo si utilizzano 4 milioni di tonnellate di pesticidi. Tuttavia, il volume di vendite di per sé dice ben poco sui rischi per esseri umani, animali e ambiente. Vi sono anche altri fattori che hanno un ruolo importante, fra cui: la tossicità delle sostanze, le metodiche di impiego, il tasso di utilizzo o la frequenza di applicazione - afferma Eva Alessi, Responsabile Sostenibilità del WWF Italia-. I singoli pesticidi vengono spesso diffusi nell’ambiente contemporaneamente a tanti altri e ad altre sostanze, creando di fatto dei cocktail chimici che possono amplificare esponenzialmente gli effetti sulla nostra salute (e su quella delle altre specie). Ad oggi la comunità scientifica non è ancora a conoscenza dei possibili effetti sinergici causati dalle combinazioni di pesticidi utilizzati nei campi coltivati. Il WWF lavora da anni per l’obiettivo 'One Health' per garantire cioè salute a tutti gli esseri viventi nel Pianeta, unica chiave per un futuro di benessere.”

foto - orto biologico K.veltri

Il consumo globale di pesticidi è in aumento, con un mercato che ha raggiunto un valore di 84,5 miliardi di dollari nel 2019, con tasso di crescita inarrestabile che quest’anno raggiungerà l’11,5%, sfiorando i 130,7 miliardi di dollari. E l’Italia? Nel 2020 in Italia sono stati venduti 125 milioni di kg di sostanze chimiche per l’agricoltura, 5,2 kg/ettaro, nonostante le conseguenze sulla salute e sull’ambiente siano note e sempre più approfondite. Nel 2021 la SAU (superficie agricola utilizzata) coltivata senza veleni in Italia era ancora solo il 17,4%. Per il WWF l'unica soluzione è l’agricoltura biologica: in tutto il mondo vi sono realtà che dimostrano che un futuro agroecologico è possibile. Sempre più città, Stati e regioni cercano di abbattere l'uso dei pesticidi o persino di bandire completamente gli agenti chimici dai campi e nelle aree di verde pubblico. La Strategia Farm to Fork dell'UE indica l’obiettivo della riduzione del 50% dell’uso dei pesticidi entro il 2030 a livello europeo. Con il Regolamento SUR per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari in agricoltura, proposto dalla Commissione europea e adesso in discussione al Parlamento, questi obiettivi vengono declinati a livello di singoli Stati membri e diventeranno vincolanti. Per l’Italia è stato fissato l’obiettivo ambizioso di riduzione del 62% entro il 2030, proprio perché siamo un o dei maggiori utilizzatori a livello europeo. Per arrestare la pandemia silenziosa dei pesticidi, oltre a una strategia europea e al rinnovo della normativa nazionale, è indispensabile far crescere il mercato del biologico nazionale. L’Italia è ai primi posti in Europa per export di prodotti biologici certificati mentre i consumi interni restano bassi, sebbene i dati dimostrino che il consumo di prodotti biologici in Italia è quasi raddoppiato in 10 anni e in costante crescita, seppur lentamente. Scegliere di acquistare prodotti bio, liberi da veleni, contribuisce non solo alla crescita dell’agricoltura biologica, ma anche alla tutela della propria salute.

foto WWF UK David Bebber