lago-secco-banner

Natura in città: velocissimo in picchiata, fedele e da un po’ amante delle città

Falco Pellegrino curato dal WWF Penisola Sorrentina

Il Falco pellegrino (Falco peregrinus) è un uccello rapace della famiglia dei Falconidi che si è ormai diffuso praticamente in tutto il mondo. E’ un formidabile predatore, con una velocità in picchiata sulla preda imbarazzante: durante la caccia ha la capacita di sfrecciare verso il basso a velocità di molto superiori ai 300 km/h, cosa che fa di lui il più veloce animale vivente.

Nel nome scientifico la parola "peregrinus" (utilizzata per indicare la specie) fa riferimento alla colorazione scura delle penne del capo, che ricordano un cappuccio nero simile a quello che erano soliti indossare i pellegrini. Il Falco pellegrino è noto per l'elevata velocità. Si ritiene possa raggiungere in picchiata, durante la caccia, velocità ben superiori ai 300 km/h; ciò lo rende il più veloce animale vivente. (Hangte, addirittura, nel 1968, calcolò  che la velocità critica del falco pellegrino è da collocarsi fra i 368 e i 384 chilometri all'ora). Un'altra caratteristica importante del falco pellegrino è la rigidità delle penne remiganti, importante per la manovrabilità alla fine della picchiata.

Falco Pellegrino in discesa - foto di L. Sestieri

La cattura della preda deve sempre avvenire in spazi aperti, evitando il rischio di colpi con rami e perfino fogliame. Di norma si posiziona in un posto molto alto, anche un monte, guadagna quota sfruttando una termica e poi pattuglia dall'alto i terreni favorevoli, per inseguire poi in picchiata la preda. Il fabbisogno quotidiano è di circa 150 grammi di carne. Nelle grandi città, che frequenta ogni anno in maggior numero, ama nidificare nei piani alti di palazzi o grattacieli, nei campanili o altre costruzioni che raggiugano una altezza ritenuta soddisfacente. Fedeli nel rapporto, i partner di una coppia di falchi pellegrini rimangono insieme praticamente per tutta la vita e si accoppiano nuovamente in caso di morte di uno dei partner. La durata della cova dura dai 32 ai 37 giorni e la covata può prevedere da 2 a 6 uova (casi eccezionali) con solitamente 3/4 uova come media standard. Il falco pellegrino raggiunge in media un'età massima di 17 anni allo stato brado, ma sono stati osservati in cattività casi in cui dei soggetti superavano l'età di 20 anni.

Falco pellegrino in volo - foto di A. Fiorillo